Hai bisogno di aiuto? Clicca qui

Se preferisci effettuare la tua prenotazione con BONIFICO BANCARIO o hai bisogno di ASSISTENZA puoi contattare i nostri operatori al numero 010 5731800 nei seguenti orari:

Dal lunedì al venerdì
09.00/13.0014.00/18.30

Se desideri inoltrare una mail clicca qui

Prenota
Tratta Andata
Da
Tratta Ritorno
Da

Traghetti da Genova per Olbia

Olbia è il principale centro economico della Gallura e del nord-est della Sardegna ed è situata a 30 km dalla nota zona turistica denominata Costa Smeralda. La mitologia Greca attribuisce al figlio di Ercole la nascita di Olbia, il primo consistente insediamento umano nella costa est della Gallura. Anche la Civiltà Nuragica (1800-238 a.C.) si espanse in questo tratto di costa Gallurese, caratterizzato da vaste piane, porti naturali ed impervi promontori granitici sui quali costruire i propri edifici di avvistamento, di culto o funerari. Furono però i fenici a fondare il primo nucleo urbano, nello stesso sito in cui è ubicata l’attuale città di Olbia, la loro unica colonia dell’area nord-orientale dell’isola.
Olbia è la più estesa città della Gallura, dotata del porto turistico, commerciale e con il servizio di traghetti verso la penisola; inoltre dotata di un funzionale aeroporto, una zona artigianale ed una discreta zona industriale. Il cuore della città è il suo accogliente centro storico, il vero boudoir cittadino vivacizzato dalle mille botteghe, dai piccoli ristoranti di grande fama e dagli accoglienti cocktail bar.

Numerosi e interessanti i siti archeologici nelle vicinanze: il nuraghe Riu Mulinu (Cabu Abbas), la tomba dei Giganti di Su Monte de S’Abe, Il Pozzo Sacro nuragico di Sa Testa, le Mura Puniche tra Via Torino e Via Acquedotto, il Castello di Pedres e quello di Sa Paulazza, l’Acquedotto Romano, la fattoria romana di S’Imbalconadu lungo la strada che porta a Padru. Ma anche edifici ottocenteschi quali la biblioteca Simpliciana e il Palazzo Comunale, Chiese monumentali quali la Basilica minore di San Simplicio del XI sec. e San Paolo eretta nel XVIII sec. Merita una visita anche il Parco urbano polifunzionale “Fausto Noce” costituito da una vasta area verde, dove è stato ricostituito il paesaggio naturale della Gallura con graniti, fontane, laghetti e cascate.

La Costa Smeralda:
Il territorio costiero di Olbia, fatto sconosciuto ai più, si estende per un centinaio di chilometri alternando spiagge a scogliere di incomparabile bellezza. A Nord di Olbia nella provincia di Arzachena si trova la Costa Smeralda. Comprende il tratto costiero della Sardegna nord-orientale (Gallura), localmente conosciuta col nome gallurese “monti di mola” (pietra di macina). Il Consorizio Costa Smeralda, nato nel 1962 per mano del principe Ismaelita Karim Aga Khan, ha dato una notevole spinta propulsiva all’industria vacanziera della Sardegna, trasformando questo lembo di terra in un’importante e rinomata zona di villeggiatura. Nei suoi 88 km di pittoresca costa presenta, frequenti insenature, promontori, numerose isole e grandiose strutture alberghiere. Tra le principali località ricordiamo Porto Cervo, Baja Sardinia, Pevero,Poltu Quatu e Cala di Volpe

- See more at: http://www.crociereonline.net/crociere-nel-mediterraneo/olbia/#sthash.J2iBwNsw.dpuf

Olbia è il principale centro economico della Gallura e del nord-est della Sardegna ed è situata a 30 km dalla nota zona turistica denominata Costa Smeralda. La mitologia Greca attribuisce al figlio di Ercole la nascita di Olbia, il primo consistente insediamento umano nella costa est della Gallura. Anche la Civiltà Nuragica (1800-238 a.C.) si espanse in questo tratto di costa Gallurese, caratterizzato da vaste piane, porti naturali ed impervi promontori granitici sui quali costruire i propri edifici di avvistamento, di culto o funerari. Furono però i fenici a fondare il primo nucleo urbano, nello stesso sito in cui è ubicata l’attuale città di Olbia, la loro unica colonia dell’area nord-orientale dell’isola.
Olbia è la più estesa città della Gallura, dotata del porto turistico, commerciale e con il servizio di traghetti verso la penisola; inoltre dotata di un funzionale aeroporto, una zona artigianale ed una discreta zona industriale. Il cuore della città è il suo accogliente centro storico, il vero boudoir cittadino vivacizzato dalle mille botteghe, dai piccoli ristoranti di grande fama e dagli accoglienti cocktail bar.

Numerosi e interessanti i siti archeologici nelle vicinanze: il nuraghe Riu Mulinu (Cabu Abbas), la tomba dei Giganti di Su Monte de S’Abe, Il Pozzo Sacro nuragico di Sa Testa, le Mura Puniche tra Via Torino e Via Acquedotto, il Castello di Pedres e quello di Sa Paulazza, l’Acquedotto Romano, la fattoria romana di S’Imbalconadu lungo la strada che porta a Padru. Ma anche edifici ottocenteschi quali la biblioteca Simpliciana e il Palazzo Comunale, Chiese monumentali quali la Basilica minore di San Simplicio del XI sec. e San Paolo eretta nel XVIII sec. Merita una visita anche il Parco urbano polifunzionale “Fausto Noce” costituito da una vasta area verde, dove è stato ricostituito il paesaggio naturale della Gallura con graniti, fontane, laghetti e cascate.

La Costa Smeralda:
Il territorio costiero di Olbia, fatto sconosciuto ai più, si estende per un centinaio di chilometri alternando spiagge a scogliere di incomparabile bellezza. A Nord di Olbia nella provincia di Arzachena si trova la Costa Smeralda. Comprende il tratto costiero della Sardegna nord-orientale (Gallura), localmente conosciuta col nome gallurese “monti di mola” (pietra di macina). Il Consorizio Costa Smeralda, nato nel 1962 per mano del principe Ismaelita Karim Aga Khan, ha dato una notevole spinta propulsiva all’industria vacanziera della Sardegna, trasformando questo lembo di terra in un’importante e rinomata zona di villeggiatura. Nei suoi 88 km di pittoresca costa presenta, frequenti insenature, promontori, numerose isole e grandiose strutture alberghiere. Tra le principali località ricordiamo Porto Cervo, Baja Sardinia, Pevero,Poltu Quatu e Cala di Volpe

- See more at: http://www.crociereonline.net/crociere-nel-mediterraneo/olbia/#sthash.J2iBwNsw.dpuf

Olbia è il principale centro economico della Gallura e del nord-est della Sardegna ed è situata a 30 km dalla nota zona turistica denominata Costa Smeralda.
Olbia è la più estesa città della Gallura, dotata del porto turistico, commerciale e con il servizio di traghetti verso la penisola; inoltre dotata di un funzionale aeroporto, una zona artigianale ed una discreta zona industriale. Il cuore della città è il suo accogliente centro storico, il vero boudoir cittadino vivacizzato dalle mille botteghe, dai piccoli ristoranti di grande fama e dagli accoglienti cocktail bar.

La Costa Smeralda:
Il territorio costiero di Olbia si estende per un centinaio di chilometri alternando spiagge a scogliere di incomparabile bellezza. A Nord di Olbia nella provincia di Arzachena si trova la Costa Smeralda. Comprende il tratto costiero della Sardegna nord-orientale (Gallura), localmente conosciuta col nome gallurese “monti di mola” (pietra di macina). Nei suoi 88 km di pittoresca costa presenta, frequenti insenature, promontori, numerose isole e grandiose strutture alberghiere. Tra le principali località ricordiamo Porto Cervo, Baja Sardinia, Pevero,Poltu Quatu e Cala di Volpe

Olbia è il principale centro economico della Gallura e del nord-est della Sardegna ed è situata a 30 km dalla nota zona turistica denominata Costa Smeralda. La mitologia Greca attribuisce al figlio di Ercole la nascita di Olbia, il primo consistente insediamento umano nella costa est della Gallura. Anche la Civiltà Nuragica (1800-238 a.C.) si espanse in questo tratto di costa Gallurese, caratterizzato da vaste piane, porti naturali ed impervi promontori granitici sui quali costruire i propri edifici di avvistamento, di culto o funerari. Furono però i fenici a fondare il primo nucleo urbano, nello stesso sito in cui è ubicata l’attuale città di Olbia, la loro unica colonia dell’area nord-orientale dell’isola.
Olbia è la più estesa città della Gallura, dotata del porto turistico, commerciale e con il servizio di traghetti verso la penisola; inoltre dotata di un funzionale aeroporto, una zona artigianale ed una discreta zona industriale. Il cuore della città è il suo accogliente centro storico, il vero boudoir cittadino vivacizzato dalle mille botteghe, dai piccoli ristoranti di grande fama e dagli accoglienti cocktail bar.

Numerosi e interessanti i siti archeologici nelle vicinanze: il nuraghe Riu Mulinu (Cabu Abbas), la tomba dei Giganti di Su Monte de S’Abe, Il Pozzo Sacro nuragico di Sa Testa, le Mura Puniche tra Via Torino e Via Acquedotto, il Castello di Pedres e quello di Sa Paulazza, l’Acquedotto Romano, la fattoria romana di S’Imbalconadu lungo la strada che porta a Padru. Ma anche edifici ottocenteschi quali la biblioteca Simpliciana e il Palazzo Comunale, Chiese monumentali quali la Basilica minore di San Simplicio del XI sec. e San Paolo eretta nel XVIII sec. Merita una visita anche il Parco urbano polifunzionale “Fausto Noce” costituito da una vasta area verde, dove è stato ricostituito il paesaggio naturale della Gallura con graniti, fontane, laghetti e cascate.

La Costa Smeralda:
Il territorio costiero di Olbia, fatto sconosciuto ai più, si estende per un centinaio di chilometri alternando spiagge a scogliere di incomparabile bellezza. A Nord di Olbia nella provincia di Arzachena si trova la Costa Smeralda. Comprende il tratto costiero della Sardegna nord-orientale (Gallura), localmente conosciuta col nome gallurese “monti di mola” (pietra di macina). Il Consorizio Costa Smeralda, nato nel 1962 per mano del principe Ismaelita Karim Aga Khan, ha dato una notevole spinta propulsiva all’industria vacanziera della Sardegna, trasformando questo lembo di terra in un’importante e rinomata zona di villeggiatura. Nei suoi 88 km di pittoresca costa presenta, frequenti insenature, promontori, numerose isole e grandiose strutture alberghiere. Tra le principali località ricordiamo Porto Cervo, Baja Sardinia, Pevero,Poltu Quatu e Cala di Volpe

- See more at: http://www.crociereonline.net/crociere-nel-mediterraneo/olbia/#sthash.J2iBwNsw.dpuf

Olbia è il principale centro economico della Gallura e del nord-est della Sardegna ed è situata a 30 km dalla nota zona turistica denominata Costa Smeralda. La mitologia Greca attribuisce al figlio di Ercole la nascita di Olbia, il primo consistente insediamento umano nella costa est della Gallura. Anche la Civiltà Nuragica (1800-238 a.C.) si espanse in questo tratto di costa Gallurese, caratterizzato da vaste piane, porti naturali ed impervi promontori granitici sui quali costruire i propri edifici di avvistamento, di culto o funerari. Furono però i fenici a fondare il primo nucleo urbano, nello stesso sito in cui è ubicata l’attuale città di Olbia, la loro unica colonia dell’area nord-orientale dell’isola.
Olbia è la più estesa città della Gallura, dotata del porto turistico, commerciale e con il servizio di traghetti verso la penisola; inoltre dotata di un funzionale aeroporto, una zona artigianale ed una discreta zona industriale. Il cuore della città è il suo accogliente centro storico, il vero boudoir cittadino vivacizzato dalle mille botteghe, dai piccoli ristoranti di grande fama e dagli accoglienti cocktail bar.

Numerosi e interessanti i siti archeologici nelle vicinanze: il nuraghe Riu Mulinu (Cabu Abbas), la tomba dei Giganti di Su Monte de S’Abe, Il Pozzo Sacro nuragico di Sa Testa, le Mura Puniche tra Via Torino e Via Acquedotto, il Castello di Pedres e quello di Sa Paulazza, l’Acquedotto Romano, la fattoria romana di S’Imbalconadu lungo la strada che porta a Padru. Ma anche edifici ottocenteschi quali la biblioteca Simpliciana e il Palazzo Comunale, Chiese monumentali quali la Basilica minore di San Simplicio del XI sec. e San Paolo eretta nel XVIII sec. Merita una visita anche il Parco urbano polifunzionale “Fausto Noce” costituito da una vasta area verde, dove è stato ricostituito il paesaggio naturale della Gallura con graniti, fontane, laghetti e cascate.

La Costa Smeralda:
Il territorio costiero di Olbia, fatto sconosciuto ai più, si estende per un centinaio di chilometri alternando spiagge a scogliere di incomparabile bellezza. A Nord di Olbia nella provincia di Arzachena si trova la Costa Smeralda. Comprende il tratto costiero della Sardegna nord-orientale (Gallura), localmente conosciuta col nome gallurese “monti di mola” (pietra di macina). Il Consorizio Costa Smeralda, nato nel 1962 per mano del principe Ismaelita Karim Aga Khan, ha dato una notevole spinta propulsiva all’industria vacanziera della Sardegna, trasformando questo lembo di terra in un’importante e rinomata zona di villeggiatura. Nei suoi 88 km di pittoresca costa presenta, frequenti insenature, promontori, numerose isole e grandiose strutture alberghiere. Tra le principali località ricordiamo Porto Cervo, Baja Sardinia, Pevero,Poltu Quatu e Cala di Volpe

- See more at: http://www.crociereonline.net/crociere-nel-mediterraneo/olbia/#sthash.J2iBwNsw.dpuf

Olbia è il principale centro economico della Gallura e del nord-est della Sardegna ed è situata a 30 km dalla nota zona turistica denominata Costa Smeralda. La mitologia Greca attribuisce al figlio di Ercole la nascita di Olbia, il primo consistente insediamento umano nella costa est della Gallura. Anche la Civiltà Nuragica (1800-238 a.C.) si espanse in questo tratto di costa Gallurese, caratterizzato da vaste piane, porti naturali ed impervi promontori granitici sui quali costruire i propri edifici di avvistamento, di culto o funerari. Furono però i fenici a fondare il primo nucleo urbano, nello stesso sito in cui è ubicata l’attuale città di Olbia, la loro unica colonia dell’area nord-orientale dell’isola.
Olbia è la più estesa città della Gallura, dotata del porto turistico, commerciale e con il servizio di traghetti verso la penisola; inoltre dotata di un funzionale aeroporto, una zona artigianale ed una discreta zona industriale. Il cuore della città è il suo accogliente centro storico, il vero boudoir cittadino vivacizzato dalle mille botteghe, dai piccoli ristoranti di grande fama e dagli accoglienti cocktail bar.

Numerosi e interessanti i siti archeologici nelle vicinanze: il nuraghe Riu Mulinu (Cabu Abbas), la tomba dei Giganti di Su Monte de S’Abe, Il Pozzo Sacro nuragico di Sa Testa, le Mura Puniche tra Via Torino e Via Acquedotto, il Castello di Pedres e quello di Sa Paulazza, l’Acquedotto Romano, la fattoria romana di S’Imbalconadu lungo la strada che porta a Padru. Ma anche edifici ottocenteschi quali la biblioteca Simpliciana e il Palazzo Comunale, Chiese monumentali quali la Basilica minore di San Simplicio del XI sec. e San Paolo eretta nel XVIII sec. Merita una visita anche il Parco urbano polifunzionale “Fausto Noce” costituito da una vasta area verde, dove è stato ricostituito il paesaggio naturale della Gallura con graniti, fontane, laghetti e cascate.

La Costa Smeralda:
Il territorio costiero di Olbia, fatto sconosciuto ai più, si estende per un centinaio di chilometri alternando spiagge a scogliere di incomparabile bellezza. A Nord di Olbia nella provincia di Arzachena si trova la Costa Smeralda. Comprende il tratto costiero della Sardegna nord-orientale (Gallura), localmente conosciuta col nome gallurese “monti di mola” (pietra di macina). Il Consorizio Costa Smeralda, nato nel 1962 per mano del principe Ismaelita Karim Aga Khan, ha dato una notevole spinta propulsiva all’industria vacanziera della Sardegna, trasformando questo lembo di terra in un’importante e rinomata zona di villeggiatura. Nei suoi 88 km di pittoresca costa presenta, frequenti insenature, promontori, numerose isole e grandiose strutture alberghiere. Tra le principali località ricordiamo Porto Cervo, Baja Sardinia, Pevero,Poltu Quatu e Cala di Volpe

- See more at: http://www.crociereonline.net/crociere-nel-mediterraneo/olbia/#sthash.J2iBwNsw.dpuf

Olbia è il principale centro economico della Gallura e del nord-est della Sardegna ed è situata a 30 km dalla nota zona turistica denominata Costa Smeralda. La mitologia Greca attribuisce al figlio di Ercole la nascita di Olbia, il primo consistente insediamento umano nella costa est della Gallura. Anche la Civiltà Nuragica (1800-238 a.C.) si espanse in questo tratto di costa Gallurese, caratterizzato da vaste piane, porti naturali ed impervi promontori granitici sui quali costruire i propri edifici di avvistamento, di culto o funerari. Furono però i fenici a fondare il primo nucleo urbano, nello stesso sito in cui è ubicata l’attuale città di Olbia, la loro unica colonia dell’area nord-orientale dell’isola.
Olbia è la più estesa città della Gallura, dotata del porto turistico, commerciale e con il servizio di traghetti verso la penisola; inoltre dotata di un funzionale aeroporto, una zona artigianale ed una discreta zona industriale. Il cuore della città è il suo accogliente centro storico, il vero boudoir cittadino vivacizzato dalle mille botteghe, dai piccoli ristoranti di grande fama e dagli accoglienti cocktail bar.

Numerosi e interessanti i siti archeologici nelle vicinanze: il nuraghe Riu Mulinu (Cabu Abbas), la tomba dei Giganti di Su Monte de S’Abe, Il Pozzo Sacro nuragico di Sa Testa, le Mura Puniche tra Via Torino e Via Acquedotto, il Castello di Pedres e quello di Sa Paulazza, l’Acquedotto Romano, la fattoria romana di S’Imbalconadu lungo la strada che porta a Padru. Ma anche edifici ottocenteschi quali la biblioteca Simpliciana e il Palazzo Comunale, Chiese monumentali quali la Basilica minore di San Simplicio del XI sec. e San Paolo eretta nel XVIII sec. Merita una visita anche il Parco urbano polifunzionale “Fausto Noce” costituito da una vasta area verde, dove è stato ricostituito il paesaggio naturale della Gallura con graniti, fontane, laghetti e cascate.

La Costa Smeralda:
Il territorio costiero di Olbia, fatto sconosciuto ai più, si estende per un centinaio di chilometri alternando spiagge a scogliere di incomparabile bellezza. A Nord di Olbia nella provincia di Arzachena si trova la Costa Smeralda. Comprende il tratto costiero della Sardegna nord-orientale (Gallura), localmente conosciuta col nome gallurese “monti di mola” (pietra di macina). Il Consorizio Costa Smeralda, nato nel 1962 per mano del principe Ismaelita Karim Aga Khan, ha dato una notevole spinta propulsiva all’industria vacanziera della Sardegna, trasformando questo lembo di terra in un’importante e rinomata zona di villeggiatura. Nei suoi 88 km di pittoresca costa presenta, frequenti insenature, promontori, numerose isole e grandiose strutture alberghiere. Tra le principali località ricordiamo Porto Cervo, Baja Sardinia, Pevero,Poltu Quatu e Cala di Volpe

- See more at: http://www.crociereonline.net/crociere-nel-mediterraneo/olbia/#sthash.J2iBwNsw.dpuf

Olbia è il principale centro economico della Gallura e del nord-est della Sardegna ed è situata a 30 km dalla nota zona turistica denominata Costa Smeralda. La mitologia Greca attribuisce al figlio di Ercole la nascita di Olbia, il primo consistente insediamento umano nella costa est della Gallura. Anche la Civiltà Nuragica (1800-238 a.C.) si espanse in questo tratto di costa Gallurese, caratterizzato da vaste piane, porti naturali ed impervi promontori granitici sui quali costruire i propri edifici di avvistamento, di culto o funerari. Furono però i fenici a fondare il primo nucleo urbano, nello stesso sito in cui è ubicata l’attuale città di Olbia, la loro unica colonia dell’area nord-orientale dell’isola.
Olbia è la più estesa città della Gallura, dotata del porto turistico, commerciale e con il servizio di traghetti verso la penisola; inoltre dotata di un funzionale aeroporto, una zona artigianale ed una discreta zona industriale. Il cuore della città è il suo accogliente centro storico, il vero boudoir cittadino vivacizzato dalle mille botteghe, dai piccoli ristoranti di grande fama e dagli accoglienti cocktail bar.

Numerosi e interessanti i siti archeologici nelle vicinanze: il nuraghe Riu Mulinu (Cabu Abbas), la tomba dei Giganti di Su Monte de S’Abe, Il Pozzo Sacro nuragico di Sa Testa, le Mura Puniche tra Via Torino e Via Acquedotto, il Castello di Pedres e quello di Sa Paulazza, l’Acquedotto Romano, la fattoria romana di S’Imbalconadu lungo la strada che porta a Padru. Ma anche edifici ottocenteschi quali la biblioteca Simpliciana e il Palazzo Comunale, Chiese monumentali quali la Basilica minore di San Simplicio del XI sec. e San Paolo eretta nel XVIII sec. Merita una visita anche il Parco urbano polifunzionale “Fausto Noce” costituito da una vasta area verde, dove è stato ricostituito il paesaggio naturale della Gallura con graniti, fontane, laghetti e cascate.

La Costa Smeralda:
Il territorio costiero di Olbia, fatto sconosciuto ai più, si estende per un centinaio di chilometri alternando spiagge a scogliere di incomparabile bellezza. A Nord di Olbia nella provincia di Arzachena si trova la Costa Smeralda. Comprende il tratto costiero della Sardegna nord-orientale (Gallura), localmente conosciuta col nome gallurese “monti di mola” (pietra di macina). Il Consorizio Costa Smeralda, nato nel 1962 per mano del principe Ismaelita Karim Aga Khan, ha dato una notevole spinta propulsiva all’industria vacanziera della Sardegna, trasformando questo lembo di terra in un’importante e rinomata zona di villeggiatura. Nei suoi 88 km di pittoresca costa presenta, frequenti insenature, promontori, numerose isole e grandiose strutture alberghiere. Tra le principali località ricordiamo Porto Cervo, Baja Sardinia, Pevero,Poltu Quatu e Cala di Volpe

- See more at: http://www.crociereonline.net/crociere-nel-mediterraneo/olbia/#sthash.J2iBwNsw.dpuf
titolo in basso

In questo grafico viene rappresentata la tariffa media, di sola andata, dei biglietti venduti tramite il nostro sito.

Olbia è il principale centro economico della Gallura e del nord-est della Sardegna ed è situata a 30 km dalla nota zona turistica denominata Costa Smeralda. La mitologia Greca attribuisce al figlio di Ercole la nascita di Olbia, il primo consistente insediamento umano nella costa est della Gallura. Anche la Civiltà Nuragica (1800-238 a.C.) si espanse in questo tratto di costa Gallurese, caratterizzato da vaste piane, porti naturali ed impervi promontori granitici sui quali costruire i propri edifici di avvistamento, di culto o funerari. Furono però i fenici a fondare il primo nucleo urbano, nello stesso sito in cui è ubicata l’attuale città di Olbia, la loro unica colonia dell’area nord-orientale dell’isola.
Olbia è la più estesa città della Gallura, dotata del porto turistico, commerciale e con il servizio di traghetti verso la penisola; inoltre dotata di un funzionale aeroporto, una zona artigianale ed una discreta zona industriale. Il cuore della città è il suo accogliente centro storico, il vero boudoir cittadino vivacizzato dalle mille botteghe, dai piccoli ristoranti di grande fama e dagli accoglienti cocktail bar.

Numerosi e interessanti i siti archeologici nelle vicinanze: il nuraghe Riu Mulinu (Cabu Abbas), la tomba dei Giganti di Su Monte de S’Abe, Il Pozzo Sacro nuragico di Sa Testa, le Mura Puniche tra Via Torino e Via Acquedotto, il Castello di Pedres e quello di Sa Paulazza, l’Acquedotto Romano, la fattoria romana di S’Imbalconadu lungo la strada che porta a Padru. Ma anche edifici ottocenteschi quali la biblioteca Simpliciana e il Palazzo Comunale, Chiese monumentali quali la Basilica minore di San Simplicio del XI sec. e San Paolo eretta nel XVIII sec. Merita una visita anche il Parco urbano polifunzionale “Fausto Noce” costituito da una vasta area verde, dove è stato ricostituito il paesaggio naturale della Gallura con graniti, fontane, laghetti e cascate.

La Costa Smeralda:
Il territorio costiero di Olbia, fatto sconosciuto ai più, si estende per un centinaio di chilometri alternando spiagge a scogliere di incomparabile bellezza. A Nord di Olbia nella provincia di Arzachena si trova la Costa Smeralda. Comprende il tratto costiero della Sardegna nord-orientale (Gallura), localmente conosciuta col nome gallurese “monti di mola” (pietra di macina). Il Consorizio Costa Smeralda, nato nel 1962 per mano del principe Ismaelita Karim Aga Khan, ha dato una notevole spinta propulsiva all’industria vacanziera della Sardegna, trasformando questo lembo di terra in un’importante e rinomata zona di villeggiatura. Nei suoi 88 km di pittoresca costa presenta, frequenti insenature, promontori, numerose isole e grandiose strutture alberghiere. Tra le principali località ricordiamo Porto Cervo, Baja Sardinia, Pevero,Poltu Quatu e Cala di Volpe

- See more at: http://www.crociereonline.net/crociere-nel-mediterraneo/olbia/#sthash.J2iBwNsw.dpuf